Progetto ODINet

Un nuovo framework tecnologico per l’accesso e la diffusione online di dati strutturati ed eterogenei, caratterizzato da metodi innovativi per l’individuazione, la catalogazione e la rappresentazione di dati sul Web.

Sito web di progetto: www.odinet.sister.it

Con l’espansione dell’Open Data ed in linea con le ultime direttive comunitarie, l’attenzione di PA ed imprese è rivolta verso la pubblicazione di dati sul web. Inoltre, l’evoluzione di tecnologie come il cloud computing, il web semantico ed il Web 3.0 in generale, fa presumere che nei prossimi anni avremo a disposizione una sempre crescente quantità di informazioni online, comportando ciò grandi problemi per la pubblicazione e per la fruizione efficace dei dati determinata dalla diversità di formati, protocolli, metodologie e infrastrutture tecnologiche.

Il progetto si inserisce in questo contesto, in particolare nel panorama italiano. In primo luogo si prevede lo sviluppo di metodologie ed interfacce standard di accesso diretto ai dati online in modo integrato e federato. Inoltre, si propone di sviluppare nuovi metodi di interrogazione e caratterizzazione dei dati nel web, per mezzo di tecniche di analisi e classificazione inerenti le reti sociali, sfruttando i collegamenti tematici, geografici, telematici e sociali insiti nei dati. La ricerca riguarderà anche lo sviluppo di tecnologie innovative di rappresentazione in ottica Business Intelligence e accesso all’informazione ed alle loro caratteristiche tramite servizi specializzati ed interfacce utente avanzate.

Le principali ricadute positive del progetto riguarderanno la PA, gli enti produttori di dati, i cittadini, le aziende e la comunità scientifica.

 

Più in generale l’approccio innovativo che si vuole intraprendere sta nel fare ricerca su un insieme di tecnologie che agiscano in sinergia e consentano di riuscire a:

Individuare automaticamente dati strutturati resi disponibili nel web direttamente nel “luogo” in cui risiedono (inteso come locazione online) e nel formato originario in cui sono stati esposti, senza che l’autore debba notificare l’avvenuta pubblicazione.

Accedere all’informazione tematica, descrittiva e alle relazioni contenute nei dati per caratterizzarli ed inserirli in un una rete ontologica e sociale che favorisca la loro ricerca ed individuazione.

• Aprire la strada alla categorizzazione e classificazione ontologica dei dati (e della conoscenza) in diversi settori tematici quali quello economico, sociale e sanitario.

Esplorare l’intera rete di dati per mezzo di interfacce utente universali, innovative e user-friendly.

Rappresentare in modo uniforme i dati in ottica Business Intelligence (BI) per mezzo di reportistiche tabellari, grafiche e cartografiche.

• Creare servizi web che consentano l’accesso federato a tutti i dati inerenti una determinata tematica, al fine di facilitare la realizzazione di specifiche applicazioni.

Il progetto, presentato a Marzo 2012 nel bando POR "programma CReO FESR 2007-2013" della Regione Toscana ed approvato a Dicembre 2012, vede partecipare le seguenti aziende: Sistemi Territoriali S.r.l., Simurg Ricerche S.N.C.Istituto di Fisiologia Clinica CNR PisaRete Sviluppo S.c. e CQR S.r.l.

ODINet, StatPortal Open Data e DatiOpen.it

I risultati di questo progetto avranno una ricaduta diretta sull’attuale piattaforma community di StatPortal Open Data e di conseguenza sul portale italiano DatiOpen.it  con cui è realizzato, essendo quest’ultime le prime infrastrutture sulle quali verrà sperimentato e validato il progetto.

Tra le principali evoluzioni positive previste grazie ai risultati del progetto ODINet:

Accesso diretto a sorgenti dati: saranno realizzati appositi connettori (oltre a quello del diffuso OData - Open Data Protocol già supportato) che permetteranno di accedere direttamente ed automaticamente via web a dataset presenti in altri cataloghi, anche se realizzati con tecnologie differenti.

• Potenziamento delle funzionalità inerenti i Linked Open Data e l’analisi dei collegamenti tra dati sotto diversi aspetti (es. link, aspetti “social” e la loro “categorizzazione”).

• Uso di ontologie per la categorizzazione dei contenuti.

Indicizzazione dei contenuti con tecniche di analisi di reti (network analysis).

• Strumenti di ricerca semantica.

Evoluzione delle capacità di rappresentazione tabellare, grafica e cartografica dei dati, per una fruizione dell’informazione più efficace ed intuitiva.

L’ambizioso obiettivo è quello di distinguersi dalla “concorrenza” internazionale e migliorare uno strumento open source (StatPortal Open Data) ed un portale (DatiOpen.it) interamente “made in Italy” che possano essere dei nuovi punti di riferimento in quanto ad innovazione, integrazione, analisi e visualizzazione dei dati.

LOGIN